Il tè rosso e l'ipertensione

Consumo del tè rosso e ipertensione

Poiché il tè rosso contiene una sostanza alcaloide chiamata teina, non è raccomandato per le persone ipertese, in quanto un sue eccessivo consumo può causare tachicardia o insonnia. Ma, ad ogni modo, esiste un ottimo sostituto del tè rosso che non contiene teina: il rooibos africano.

Il tè rosso pu-erh è una delle bevande più amate per le sue eccellenti proprietà. Soprattutto quella di favorire la digestione, accelerare il metabolismo e altre questioni legate al tratto digestivo, che gli hanno dato la fama di "eliminatore naturale di grassi". Ma una cosa che è anche vera è che contiene teina una sostanza alcaloide che stimola il sistema nervoso centrale, aumenta il ritmo cardiaco e può causare tachicardia.

Ad ogni modo, la concentrazione di teina nel tè rosso è molto inferiore a quella presente in altri tipi di tè , per non parlare del caffè.

In ogni caso, esiste una bevanda di origine africana denominata rooibos, conosciuta anche come tè rosso, ma che in realtà non lo è, in quanto non proviene dalla Camellia Sinensis, ma da un'altra pianta leguminosa. È un ottimo sostituto del tè rosso, in quanto non contiene teina e conserva molte delle sue proprietà, ragione per la quale è diventata una bevanda da comodino per gli ipertesi che non possono bere il tè rosso.


IMPORTANTE: La missione del "Il tè rosso e l'ipertensione" è aiutarti a informarti, MAI sostituire il medico.

Nessun commento

Puoi lasciare un commento, da Facebook e Google+, o se si preferisce farlo in modo anonimo dal nostro sistema di commenti

Commenti in Facebook
Commenti in Innatia

Scrivi il tuo commento in "Il tè rosso e l'ipertensione"

Commenti in Google+