Autoaiuto per superare una separazione di coppia

Tutto ha una fine

Le rotture di coppia possono portare dei disturbi a chi le subisce. Il dolore dev'essere vissuto nella migliore maniera possibile affinché nessuno dei due rimanga ferito dalla separazione. A volte sono presenti anche i figli, che bisogna proteggere.

Quando una relazione di coppia entra in crisi, bisogna ricorrere alla mediazione, una soluzione ai conflitti di rottura di una coppia. Ovviamente, sebbene ciò non sia sufficiente per ricostruire la relazione, è importante affinché la rottura avvenga nei termini migliori, senza che nessuno dei due rimanga ferito.

Un problema aggiuntivo, da considerare in caso di rottura, è la presenza dei figli, che probabilmente soffriranno per la separazione dei genitori, e ancora di più per una nuova relazione sentimentale di uno dei due. Sono quelli che soffrono di più gli effetti di una rottura matrimoniale o la morte di una dei due genitori. E la situazione si complica se il padre o la madre inizia una nuova relazione amorosa.

Esistono anche coppie in situazioni speciali, che possono presentare problemi particolari sia nello sviluppo, sia nella rottura e la fine della relazione di coppia. In ogni caso, bisogna tenere presente l'evoluzione del desiderio, che ci porta ad essere attratti ad una persona e che poi smette di esistere e ci porta alla rottura della relazione.

In La coppia rotta: famiglia, crisi e superamento, Luis Rojas Marcos afferma che ogni storia d'amore è diversa: l'inizio è unico, lo sviluppo originale e il finale imprevedibile. A volte l'unione della coppia di indebolisce e nascono conflitti che erodono l'amore e portano al risentimento, l'infedeltà e la separazione. La rottura della coppia comprende molti degli elementi di una tragedia, ma gran parte delle sofferenze che provoca non è un sintomo di malattia, ma un segnale sano di sopravvivenza, crescita e sfida contro la disperazione, il cinismo, l'apatia e il fatalismo umani.

È curioso come, in contrapposizione alla credenza generalizzata, secondo quanto afferma uno studio dell'Istituto Canadese di Statistica, siano gli uomini a deprimersi più delle donne dopo una rottura. Eppure, sia uomini che donne possono soffrire dopo una rottura sentimentale un periodo di depressione, è più frequente negli uomini, soprattutto nei primi due anni che seguono la separazione.

Inoltre, se uno dei due continua ad essere legato alla relazione, può essere un palliativo l'autoaiuto contro il mal d'amore e varie tecniche, simili a quelle utilizzate per il lutto per la perdita di una persona cara.


Nessun commento

Puoi lasciare un commento, da Facebook e Google+, o se si preferisce farlo in modo anonimo dal nostro sistema di commenti

Commenti in Facebook
Commenti in Innatia

Scrivi il tuo commento in "Autoaiuto per superare una separazione di coppia"

Commenti in Google+