L'acerola, un frutto anti cancerogeno

Come combattere il cancro con un rimedio naturale

Ami la frutta? Fai bene, perché è fonte inesauribile di nutrienti e proprietà medicinali. Nel caso dell'acerola, uno dei benefici principali è il suo potere anti cancerogeno. Scopri in questo articolo di cosa si tratta.

Conosci l'acerola? È un arbusto che produce un piccolo frutto, simile alla ciliegia, ed è comune che in alcune regioni sia chiamata ciliegia acerola, invece che solo acerola. In realtà, il suo nome botanico è Malpighia emarginata, ma forse lo conosci per qualche suo nome comune: ciliegia delle Barbados e mirto delle Indie.

È una pianta nativa dell'America del Sud e Centrale, dove viene usata da migliaia di anni dalle culture indigene della regione per i suoi poteri curativi.

Con il passare del tempo, il suo consumo è diventato popolare e attualmente è nota e coltivata in varie parti del mondo. Oltre al suo sapore gradevole, all'acerola vengono riconosciute varie proprietà e benefici per la salute, soprattutto per lottare contro il cancro. Vuoi sapere come?

Benefici anticancerogeni dell'acerola

Il suo potere curativo proviene dalla ricca miscela di nutrienti che contiene, tra cui:

  • Gran contenuto di vitamine: soprattutto vitamina A, E e C. Contiene tra le 10 e le 50 volte più vitamina C delle arance.
  • Ricca composizione di antiossidanti: bioflavonoidi, carotenoidi, betacarotene e acido pantotenico.
  • Gran fonte di minerali: magnesio, manganese e rame.

Il suo beneficio anti cancerogeno è vincolato al suo grande contenuto di antiossidanti. Uno studio ha riscontrato che l'acerola possiede una maggior attività antiossidante della soia e dell'erba medica, due alimenti altamente riconosciuti per i suoi benefici medicinali.

È noto che queste sostanze sono capaci di neutralizzare gli effetti nocivi dei radicali liberi nel corpo. Tra cui si evidenzia il danno che causano nel metabolismo cellulare, facendo sì che le cellule sane si convertano in cellule cancerose.

A tale punto arriva il potere curativo dell'acerola che un gruppo di ricercatori ha affermato che i suoi antiossidanti sono capaci di frenare la propagazione del cancro ai polmoni.

Quest'affermazione è stata realizzata dopo aver ottenuto i risultati di uno studio condotto nel 2009 dal Dipartimento di Agricoltura e Chimica Biologica della Facoltà di Scienze e dal Dipartimento di Scienze degli Alimenti e Ricerca per la Salute dell'Istituto Nazionale Sanitario degli Stati Uniti.

Per ottenere questo e altri benefici medicinali dell'acerola, basta solo aggiungerla alla tua dieta quotidiana. Non sai come? Prendi nota dei seguenti consigli.

fruta

Diversi modi di consumare l'acerola

Il modo migliore per consumarla è fresca, ma grazie al suo leggero sapore, è molto facile usarla in diversi piatti. Puoi usarla in:

  • Composte
  • Gelatine
  • Marmellate
  • Gelati
  • Torte
  • Succhi e frullati
  • Dolci
  • Liquori

Ultimamente si sono visti nel mercato dei complementi dietetici a forma di tavolette. Una dosi ideale di supplementi di acerola è dai 40 ai 100 mg al giorno, che equivale ad una tavoletta.

Effetti collaterali e controindicazioni

Finora il suo consumo non ha riportato grandi effetti negativi ed è considerato sicuro. Ma si è scoperto che in alcune persone può provocare:

  • Reazioni allergiche
  • Mal di stomaco
  • Insonnia
  • Diarrea

Per quanto riguarda le sue controindicazioni, per il suo alto contenuto di vitamina C, può essere controproducente il consumo in caso di gotta, perché può aumentare i livelli di acido urico e provocare più dolore e infiammazione.

IMPORTANTE: La missione del "L'acerola, un frutto anti cancerogeno" è aiutarti a informarti, MAI sostituire il medico.

Nessun commento

Puoi lasciare un commento, da Facebook e Google+, o se si preferisce farlo in modo anonimo dal nostro sistema di commenti

Commenti in Facebook
Commenti in Innatia

Scrivi il tuo commento in "L'acerola, un frutto anti cancerogeno"

Commenti in Google+