Cosa mangiare per studiare meglio

Gli alimenti che favoriscono la concentrazione e la memoria

È molto comune che gli studenti mangino male in fasi di esamini e questo incide posteriormente sul rendimento accademico. Cynthia Rodriguez Caballero ti mostra cosa dovresti mangiare per raggiungere la massima efficienza nello studio.

È comune che in fasi di esamini, gli studenti ricorrano a cibi veloci come pizze e altri simili. Questi alimenti sono molto ricchi in calorie ma poco nutritivi per lo quale le proteine, vitamine e minerali saranno carenti nella dieta. Questa circostanza (che si aggrava con il sedentarismo) può provocare che la massa muscolare diminuisca e con essa, diminuirà anche la produzione di ormoni muscolari. Questo fatto si traduce in una maggior sensazione di stanchezza e perdita di agilità mentale, qualcosa di controproducente per lo studio. Per questo è molto importante l’alimentazione nello studente.

Queste sostanze non devono mancare nella dieta di uno studente:

  • Le vitamine, minerali e altri macronutrienti presenti in verdure, frutta, pesci, legumi, ecc, sono veramente importanti perché il corpo funzioni al 100 %. Le vitamine del gruppo B sono strettamente correlate alla memoria e la capacità di concentrazione e sono presenti in cereali integrali, verdure, frutta, legumi…
  • La colina è un altro elemento veramente importante perché partecipa negli impulsi nervosi del cervello e perciò, la sua presenza migliora la capacità di concentrazione e la memoria. Ci sono nelle uova, l’aglio, la cipolla, la melanzana, fagioli e piselli.
  • L’Omega-3 presente nella sua forma più attiva in pesci azzurri è molto importante per mantenere la flessibilità dei vasi e cellule sanguigne, qualcosa di più importante nelle fasi di sedentarismo per le lunghe giornate di studio. Gli Omega-3 sono molto importanti nello sviluppo iniziale del cervello, ma nell’adolescenza e l’età adulta assicura anche il funzionamento normale del cervello e mantiene lo stato d’animo perché è un buon antidepressivo naturale.
  • Le sostanze e alimenti che aumentano la serotonina come quelli ricchi in triptofano (cereali integrali, legumi, latticini, ecc) o come quelli ricchi in vitamina C (peperoni, verdure di foglie verdi e citrici) e quelli che aumentano la dopamina (che è un altro neurotrasmettitore) per la presenza di vitamina B6, tirosina e fenilalanina sono anche imprescindibili per un buon rendimento mentale e ancora una volta, vengono forniti da una dieta equilibrata. Questo aiuta a palliare lo stress accademico e ad affrontare in modo migliore i compiti quotidiani con una maggiore agilità mentale e più destrezza.

Il contatto di uno studente con un dietista-nutrizionista servirà per farlo acquisire buone abitudini di vita, lo quale in ultima, si traduce in salute e una migliore qualità di vita. Avere una corretta alimentazione è imprescindibile per gli studenti universitari che hanno un importante carico d’insegnamento, accompagnato normalmente da un cambiamento di città e intorno.


IMPORTANTE: La missione del "Cosa mangiare per studiare meglio" è aiutarti a informarti, MAI sostituire il medico.

1 commento in "Cosa mangiare per studiare meglio"

Puoi lasciare un commento, da Facebook e Google+, o se si preferisce farlo in modo anonimo dal nostro sistema di commenti

Commenti in Facebook
Commenti in Innatia
Stiamo caricando i commenti!

stefania ...

e se hai un figlio che non mangia assolutamente nessuna verdura e per la frutta ci limitiamo alla mela e alla banana...ci sono degli integratori per aiutarlo nella concentrazione......grazie

0

13 giu, 2014 - 10:15:20

Scrivi il tuo commento in "Cosa mangiare per studiare meglio"

Commenti in Google+